Trattamento PRP nella medicina dello sport

Applicazione del trattamento PRP nella medicina dello sport

Nel 2009, è stato riportato che il golfista Tiger Woods ha ricevuto quattro iniezioni di plasma ricco di piastrine (PRP) nelle sue ginocchia per stimolare la guarigione dei lembi di pelle dopo l'intervento chirurgico ACL. Questa notizia ha contribuito a una piccola ondata di interesse per il PRP.

Negli ultimi decenni, l'interesse per il trattamento PRP per le lesioni sportive e la guarigione muscolo-scheletrica è quindi aumentato notevolmente. Dall'inizio del XX secolo, cliniche in diverse parti d'Europa, soprattutto in Spagna, hanno utilizzato la terapia PRP per i traumatizzati nella medicina dello sport.

I calciatori della Premier League e ci sono rapporti che i giocatori dei top club si sono recati in Spagna per trattare le lesioni sportive con il PRP

L'idea di usare le piastrine per il trattamento non è nuova. Si può trovare nella letteratura medica. Rapporti sulle interazioni piastrine-tessuto negli anni '70. Il PRP autologo è stato usato per la prima volta dai dentisti nella chirurgia orale e maxillofacciale negli anni '90. È attualmente utilizzato per stimolare la guarigione di innesti ossei, difetti peri-implantari, innesti cutanei e guarigione dei tessuti molli.

Cos'è il PRP (Platelet Rich Plasma)?

Il sangue è la base della vita ma anche del sistema immunitario, ha un'influenza decisiva sulla qualità della vita delle persone

Le parole "sangue" e "vita" - sono sinonimi!

PRP indica la concentrazione di piastrine nel plasma che è superiore al numero normale equivalente di piastrine che circolano nel corpo, ma ci sono altre definizioni oltre a questa. Robert Marx è stato uno dei primi ricercatori di PRP nella chirurgia maxillofacciale e ha definito il PRP come 1 milione o più di piastrine per microlitro

Altre definizioni includono più di 2-6 volte la concentrazione intrinseca. Alcuni autori hanno definito il PRP come la concentrazione di (sole) piastrine nel plasma, escludendo deliberatamente i globuli bianchi che possono essere controproducenti e portare ad un aumento dell'infiammazione e del dolore. Altri hanno sottolineato la necessità di aggiungere i leucociti al concentrato, in quanto partecipano con i fattori di crescita piastrinici alla rigenerazione tissutale mediata dai macrofagi. Anche la terminologia può causare confusione

Anche se il plasma ricco di piastrine è il termine più usato, alcuni autori o produttori di PRP usano termini come siero autologo condizionato (ACS), plasma autologo condizionato (ACP) o fattore di crescita piastrinico (PDGF). Ci sono sottili differenze, ma sono principalmente concentrati di piastrine derivati dal sangue del paziente. La natura intrinseca della composizione è uno degli aspetti di sicurezza più importanti, dato che la possibilità di rigetto da parte del paziente può essere esclusa.

Le piastrine svolgono un ruolo importante nella riparazione dei tessuti danneggiati. Le particelle alfa delle piastrine contengono fattori di crescita con diversi effetti biologici. Tuttavia, le differenze individuali e i diversi metodi di preparazione influenzano le concentrazioni assolute e relative di questi diversi fattori nel PRP, il che può spiegare le differenze nei risultati clinici. L'attivatore piastrinico, la trombina e il calcio possono rilasciare rapidamente questi fattori e formare un gel che può essere usato per la chirurgia aperta ma non per le iniezioni. Il contatto con il collagene danneggiato e le piastrine attraverso la segnalazione delle citochine permette anche un'attivazione piastrinica più uniforme, consentendo l'applicazione del PRP ai tessuti colpiti senza una precedente attivazione.

Il plasma si ottiene per centrifugazione, separando i componenti del sangue secondo i loro rispettivi gradienti di densità.

Il nucleo della centrifugazione primaria è la separazione degli eritrociti dal plasma, che a sua volta contiene piastrine, leucociti e fattori di coagulazione.

I pazienti e i medici spesso confondono la terapia PRP con la terapia delle cellule staminali, poiché si tratta della preparazione del corpo stesso. Rispetto alle cellule staminali, le piastrine possono sopravvivere solo per 7-10 giorni e non possono moltiplicarsi perché non contengono nuclei. L'incapacità di proliferare può ridurre il rischio di carcinogenesi associato alla terapia con cellule staminali. La terapia con cellule staminali è ancora considerata sperimentale, mentre la terapia PRP è stata più ampiamente accettata e utilizzata.

Possibili applicazioni della terapia PRP nella medicina sportiva

La stragrande maggioranza delle lesioni sportive e atletiche coinvolgono i tessuti molli e sono abbastanza gravi da non richiedere un intervento chirurgico

Queste lesioni possono guarire col tempo. Il trattamento per questo tipo di lesione di solito comporta la gestione dell'infiammazione e del dolore, combinato con la fisioterapia per affrontare i problemi associati come i crampi

È molto importante che il tessuto danneggiato guarisca da solo, a seconda del tasso di guarigione naturale del corpo. Il PRP ha un potenziale di guarigione e ha dimostrato di essere un'opzione attraente per gli atleti o per coloro che vogliono accelerare il tempo di guarigione.

Poiché sempre più adulti e anziani rimangono fisicamente attivi per tutta la vita, i traumi degenerativi e lo stress traumatico diventano più comuni. La terapia PRP è anche una possibile soluzione per questo tipo di lesioni.

La terapia PRP è anche una possibile soluzione per queste lesioni:

  • Strappi muscolari, per esempio: del setto intermuscolare nella parte posteriore della gamba o nel
  • Muscoli della coscia
  • Tendopatia inserzionale cronica o tendopatia intrasostanziale con o senza strappi:
  • Epicondilite,
  • Tendinite rotulea,
  • Tendinopatia inserzionale del tendine d'Achille,
  • Fascite plantare.
  • Tendinite dei muscoli rotatori della spalla
  • Degenerazione della cartilagine e osteoartrite del ginocchio, della caviglia e di altre articolazioni del
  • Fase iniziale
  • Rotture dei legamenti, ad esempio del legamento collaterale mediale (MCS) dell'articolazione del ginocchio, dell'articolazione della caviglia
  • Aumento postoperatorio dei tessuti molli
  • Tendine d'Achille
  • Capsule dell'articolazione della spalla
  • Operazioni al menisco o alla cartilagine per malattie articolari degenerative

Effetti del trattamento

Effetti clinici

  • Guarigione più rapida dopo le lesioni sportive
  • Riduzione dei segni clinici e dei sintomi delle lesioni sportive (dolore, gonfiore, rossore, perdita di movimento)
  • Accorciamento del periodo di riabilitazione

Effetti biologici

  • Attivazione dei meccanismi cellulari di riparazione dei tessuti
  • Promozione della proliferazione di fibroblasti, osteoblasti e condrociti
  • Miglioramento della collagenogenesi, osteogenesi e angiogenesi

Procedura PRP

Grazie alla crescente varietà di kit specializzati di PRP/provette PRP, è ora possibile eseguire questo tipo di trattamento rapidamente e facilmente in clinica dall'inizio alla fine.

Il sangue viene dato al paziente tramite venipuntura direttamente in una speciale provetta PRP contenente un anticoagulante approvato e un gel separatore. La provetta viene poi centrifugata per alcuni minuti in una centrifuga ad alta velocità per separare le cellule e il plasma. Il PRP viene poi estratto dal plasma, anche se i diversi produttori di tubi utilizzano metodi di estrazione leggermente diversi. Alcuni kit di PRP usano la filtrazione invece o in aggiunta alla centrifugazione per produrre PRP.

Il PRP preparato viene poi iniettato nella zona ferita. Per gli strappi muscolari e dei legamenti, questo viene fatto di solito sotto la guida degli ultrasuoni o altri sistemi di imaging per garantire la massima precisione. Indubbiamente, un'efficacia ottimale con un rischio minimo può essere raggiunta se il PRP può essere consegnato con precisione al sito della lesione.

Trattamento PRP - esempi di intervalli

Trattamento dell'epicondilite ("gomito del tennista", "gomito del golfista")

4 iniezioni di 2,5 -3 ml di plasma autologo ciascuna, a distanza di 7 giorni: iniezioni subperiostee e nel tessuto circostante (preferibilmente con osteoperfazione locale)

Stimolazione dei processi riparativi dopo il trattamento chirurgico:

  • Lesioni al tendine d'Achille (durata del trattamento: 4 iniezioni di plasma autologo a intervalli di 7 giorni, 3,5 ml ciascuna nel tessuto circostante)
  • Cuffia dei rotatori della spalla (durata del trattamento: 5 iniezioni di plasma autologo a intervalli di 7 giorni, 3,5 ml ciascuna intra- e periarticolare)
  • Sutura del menisco (durata del trattamento: 4 iniezioni di plasma autologo a intervalli di 7 giorni, 3,5 ml ciascuna intra-articolare).

Rischi e complicazioni

Le iniezioni di PRP sono associate a rischi molto bassi. I rischi potenziali includono un aumento del dolore al sito di iniezione

  • Infezione
  • Danni ai nervi o ai tessuti vicini
  • Formazione di tessuto cicatriziale
  • Calcificazione nel sito di iniezione

Le controindicazioni al trattamento PRP possono essere relative e assolute, mentre le controindicazioni relative sono condizioni temporanee in cui l'intervento non può essere eseguito.

Secondo gli esperti nel campo dell'ortopedia e della traumatologia, il rivoluzionario metodo PRP è il metodo di trattamento più efficace oggi, poiché utilizza le cellule proprie del corpo per la rigenerazione, non è traumatico e riduce il tempo di recupero del paziente dopo le lesioni e le malattie croniche fino al 50%

Conclusione

Il PRP è un biostimolante utilizzato per la guarigione dei tessuti. Può trattare efficacemente le lesioni sportive, ed è per questo che sta diventando sempre più popolare. Gli studi clinici fino ad oggi hanno mostrato buoni risultati, soprattutto nel trattamento dei tessuti molli, ma manca una verifica clinica completa. I test clinici sono ancora in corso. Questa situazione potrebbe cambiare nei prossimi anni. Con lo sviluppo di studi prospettici controllati, questa situazione potrebbe cambiare nei prossimi anni. Con lo sviluppo di studi prospettici controllati, questa situazione cambierà nei prossimi anni.

Product added to wishlist
Product added to compare.